Link zu WSL Hauptseite Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL
 

Informazioni generali

Se desidera ulteriori informazioni ci scriva a web@wsl.ch.

Prevenzione e protezione come obiettivo di ricerca

Naturgefahren WSL/SLF


L’alluvione dell’agosto 2005 o le catastrofiche valanghe del gennaio 2010 nella valle di Diemtig hanno evidenziato che le calamità naturali in Svizzera possono tuttora arrecare danni gravi. La ricerca e i servizi del WSL hanno un ruolo essenziale nel proteggere la popolazione dagli effetti di tali eventi. E’ possibile elaborare strategie di protezione solo conoscendo le cause dei pericoli naturali e il loro impatto sulle aree colpite. A questo proposito il WSL gestisce impianti sperimentali unici al mondo, dove i ricercatori possono generare e osservare in condizioni reali eventi come valanghe, colate detritiche, frane e cadute di massi. I dati raccolti permettono di capire meglio i processi legati ai singoli pericoli naturali e di sviluppare modelli elaborati al computer, come RAMMS ed Alpine3D, usati da ricercatori e operatori per l’analisi e la valutazione dei pericoli naturali.

Sviluppo e verifica di sistemi di protezione

La protezione più effecace della popolazione contro i pericoli naturali consiste nell’eluderli attraverso un’accurata pianificazione del territorio. Se non è possibile si adottano provvedimenti di tipo costruttivo. Il WSL sviluppa e testa, con partner industriali, sistemi di protezione come opere di trattenuta antivalanghe o reti contro la caduta massi e offre consulenza, in Svizzera e all’estero, sul relativo impiego.

Informazioni per una maggior sicurezza

Avvisi tempestivi sull’imminenza di eventi naturali aiutano a proteggere persone e beni materiali da danni gravi. Con i bollettini sul pericolo valanghe emanati due volte al giorno per tutto il periodo invernale, lo SLF offre un servizio di importanza nazionale. L’Istituto SLF e il WSL hanno sviluppato per le valanghe e i rischi idrogeologici due piattaforme web di informazione: IFKIS e IFKIS-idro. Grazie a queste piattaforme, gli operatori locali addetti alla sicurezza hanno accesso a dati, osservazioni, modelli, previsioni e bollettini di allarme che consentono di decidere e agire rapidamente in situazioni d’emergenza. Così, ad esempio, i responsabili della sicurezza del Canton Zurigo sono sempre informati sui probabili deflussi di acqua della Sihl e possono prendere le misure necessarie per evitare un eventuale allagamento della stazione ferroviaria centrale di Zurigo. Assieme all’Ufficio federale per l’Ambiente, a MeteoSvizzera e al Servizio sismologico svizzero, lo SLF intende estendere le piattaforme IFKIS e IFKIS-idro a una piattaforma informativa unica per tutti i pericoli naturali (GIN).

 
 
 
 
 

 

Spacer