Link zu WSL Hauptseite Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL
 

Contatti

Nutrient Network NutNet

Ricerca a lungo termine su ecosistemi forestali LWF

Azoto nella valle dell'Alptal

Unità di ricerca

Programme di ricerca

Externe Links

L'apporto eccessivo di nutrienti aumenta la pressione sugli ecosistemi

Azoto e fosforo sono elementi nutritivi di importanza vitale. Un apporto eccessivo di azoto causa tuttavia un mutamento degli equilibri tra i nutrienti e destabilizza gli ecosistemi. L'istituto WSL studia i cicli degli elementi nutritivi per capire come questi influiscono sui processi dinamici che avvengono in natura.

La pressione esercitata sugli ecosistemi di tutto il mondo cresce senza sosta. Uno dei fattori di carico più diffusi sul nostro pianeta è l'arricchimento da parte nutrienti come l'azoto. Dall'inizio dell'industrializzazione, in tutto il mondo il contenuto di azoto nel suolo si è raddoppiato. Questo nutriente viene da un lato disperso nell'ambiente attraverso fertilizzanti agricoli e, dall'altro, liberato nell'atmosfera con i fumi dei combustibili fossili e trasportato a grande distanza per tutto il pianeta, raggiungendo anche gli ecosistemi lontani dalle zone industriali e agricole.

Anche il fosforo raggiunge il suolo attraverso fertilizzanti. L'apporto di questo elemento nutritivo negli ecosistemi naturali è tuttavia molto basso, perché contrariamente all'azoto non viene trasportato nell'atmosfera. I ricercatori del WSL hanno addirittura constatato che i boschi si stanno progressivamente impoverendo di fosforo.

Nel quadro di vari progetti, i ricercatori del WSL studiano gli effetti del mutato apporto di nutrienti sulla funzione degli ecosistemi terrestri come boschi e prati. Come cambiano i processi dinamici o la produttività di un ecosistema? Quali effetti esercitano i nutrienti sulla diversità della flora e quindi sulla stabilità degli ecosistemi? Quali sono le conseguenze sulla gestione sostenibile di prati e boschi?

Nutrient Network: l'effetto globale dei fertilizzanti su prati e pascoli

NutNet

In oltre 70 siti sperimentali sparsi in tutto il mondo, il progetto di cooperazione scientifica internazionale "Nutrient Network NutNet" studia con metodi standardizzati gli effetti dei fertilizzanti sugli ecosistemi di pascoli e prati. Il gruppo del WSL "Interazioni piante-animali" gestisce un sito sperimentale in Val Müstair. Quest'ultimo, situato a un'altitudine di 2320 m, è uno dei più alti del network. Qui i ricercatori tentano di capire fino a che punto il mutato apporto di nutrienti influisce sull'ecosistema alpino. I risultati di NutNet sono inequivocabili: la biodiversità di pascoli e prati sta drammaticamente calando, ciò che destabilizzagli ecosistemi. Non solo in Svizzera, ma in tutto il mondo.

Per approfondire

Ricerca a lungo termine su ecosistemi forestali LWF: il ciclo degli elementi nutritivi nei boschi

Regensammler

Il programma "Ricerca a lungo termine su ecosistemi forestali LWF" del WSL analizza dal 1996 il flusso di sostanze nel ciclo degli elementi nutritivi presso una ventina di siti boschivi in Svizzera. Il programma fa parte di ICP Forest, un gruppo di lavoro nato dalla Convenzione di Ginevra sull'inquinamento atmosferico che conta circa 500 siti sperimentali sparsi in tutta Europa. Tra le altre cose, i ricercatori studiano gli effetti degli apporti di azoto sull'ecosistema bosco, analizzando ad es. la salute e la crescita degli alberi o la produzione di semi. Tra gli obiettivi ci sono quelli di valutare le conseguenze per una gestione sostenibile dei boschi e preparare le basi per le trattative sulle emissioni di inquinanti atmosferici nel quadro della Convenzione di Ginevra sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza.

Per approfondire

Azoto nella valle prealpina dell'Alptal

Alptal

In un bosco subalpino presso Erlenhöhe nell'Alptal, il gruppo del WSL "Biogeochimica" studia già dal 1994 gli effetti delle maggiori immissioni di azoto. Come reagiscono il suolo, la crescita di alberi e altre piante, la qualità dell'acqua e la lisciviazione dei nitrati all'arricchimento di elementi nutritivi? In tre piccoli bacini imbriferi dell'Alptal vengono inoltre analizzati dal 1976 i fattori di immissione ed emissione dei nutrienti.

Per approfondire

 

Spacer