WSL und SLF feiern 200 Jahre Forschung im Dienste der Umwelt Homelink
 

Le sempreverdi scappano dai parchi

Piante esotiche nei nostri boschi: bisogna preoccuparsi?

Visita alle piante esotiche nel bosco sopra Locarno

Ligustrum lucidum, Laurus nobilis, Trachicarpus fortunei sono neofite sempreverdi che non si accontentano di abbellire i giardini delle ville ticinesi. Il clima nostrano è loro gradito al punto che colonizzano volentieri i nostri boschi e vanno a far compagnia al tasso e all’agrifoglio indigeni. Altra strategia seguono invece le neofite a carattere pioniere come  come l’ailanto, la robinia e il kudzu (Pueraria lobata) che tendono invece a colonizzare terreni aperti o zone disturbate. È un problema? Se lo chiedono Marco Conedera e Marco Moretti, biologi dell’Istituto federale di ricerca WSL. Sabato 5 marzo hanno accompagnato un gruppo di persone interessate nel bosco di Solduno. Ai loro colleghi forestali, al presidente del patriziato locale e a diversi abitanti della zona hanno illustrato il fenomeno e spiegato le loro ricerche. Tra i partecipanti vi è stato un consenso generale nel ritenere ancora tutta da definirte l’ampiezza del fenomeno. Infatti finora non si sa fino a che punto i sempreverdi esotici disturbano le funzioni del bosco. Per esempio, se hanno un influenza positiva o negativa sulla protezione contro la caduta di sassi. O in che misura i cambiamenti di specie alterano la sensibilità dei boschi agli incendi boschivi. Ascoltate le riflessioni di Marco Conedera su Rete 1.

Foto sulla pagina seguente

Dieser Beitrag wurde unter Das Jubiläum, Italiano veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.

Die Kommentarfunktion ist geschlossen.