Navigation mit Access Keys

L' «Albert Mountain Award» va all'SLF

Contenuto principale

  

Il WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF ha ottenuto nel 2020 il premio «Albert Mountain Award».

 

 

Ogni due anni la King Albert I Memorial Foundation premia le persone o le istituzioni che si impegnano in tutto il mondo a favore delle regioni montuose. Oggi 25 settembre 2020 è un giorno da festeggiare: uno dei tre premi Albert Mountain Award è andato al WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF Davos. Il direttore dell’istituto SLF Jürg Schweizer commenta: «Siamo molto contenti per questo riconoscimento. È un onore ricevere oggi a Berna questo premio insieme a noti operatori culturali, alpinisti e istituzioni legate alla montagna». L'SLF viene premiato per il suo impegno mirato nella prevenzione delle valanghe a favore della popolazione e dell’alpinismo. Con la sua attività di ricerca, i servizi di avviso e le direttive per la gestione del pericolo di valanghe destinate agli addetti ai lavori, l'SLF ha fissato standard elevati ed è apprezzato a livello internazionale.

 

Oltre che all'SLF, il premio è stato assegnato alla rivista francese «L'Alpe» di Grenoble così come al musicista, acrobata vocale ed ecologista di Basilea Christian Zehnder. Per la prima volta, la King Albert I Memorial Foundation svolgerà la cerimonia di premiazione presso il Museo Alpino Svizzero di Berna. Prima della cerimonia la fondazione ha inoltre organizzato una tavola rotonda pubblica (in tedesco) con la partecipazione di collaboratori dell'SLF operanti nel campo della prevenzione e della protezione contro le valanghe, così come di rappresentanti degli addetti ai lavori, per discutere degli obiettivi raggiunti dalla ricerca e del futuro.

 

Dal 1994, ogni due anni la King Albert I Memorial Foundation conferisce il premio Albert Mountain Award a organizzazioni o persone che si sono distinte nel mondo alpino, nei settori scienza, arte, prevenzione, protezione ambientale, formazione e progetti sociali. Il riconoscimento richiama alla memoria il re del Belgio Alberto I (1875–1934), che era un eccellente alpinista e scalatore.

Fino a oggi sono state premiate 57 persone e istituzioni. Tra di esse ci sono ad esempio geografi e geologi, eccellenti alpiniste e scalatrici, scrittori ed editori di letteratura alpina, fotografi, personalità attive in campo culturale così come persone e istituzioni che si impegnano per la protezione della montagna. Tutti hanno fornito il loro contributo affinché la montagna rimanga un luogo bello e sicuro, un habitat per flora e fauna, così come un luogo di residenza, di lavoro e ricreativo per la popolazione.
 

 

ULTERIORI INFORMAZIONI