Navigation mit Access Keys

Waldwissen.net rilanciato

Contenuto principale

  

In occasione del nostro quindicesimo anniversario lanciamo Waldwissen.net con un nuovo layout e funzioni moderne.

 

Dal 16 febbraio 2005 forniamo conoscenze specialistiche in materia di silvicoltura e foreste. Grazie a ben 2800 articoli in quattro lingue, Waldwissen.net è diventato la più completa fonte online di informazioni sulla foresta nel mondo di lingua tedesca. Il numero di lettori è arrivato a 280.000 visitatori al mese dal suo lancio.

Facile da usare sul PC e con uno smartphone

L'idea di base è semplice: diffondere la conoscenza esistente in modo che possa essere utilizzata e applicata in modo pratico. Anche se la ricerca ha molte competenze, questa rimane spesso all'interno di una cerchia limitata e troppo raramente trova la sua strada nella pratica. I quattro istituti di ricerca attivi nella ricerca forestale, BFW (Vienna/A), FVA (Freiburg/D), LWF (Freising/D) e WSL (Birmensdorf/CH), insieme ai loro partner SBS (Sassonia/D), WUH (Nord Reno-Westfalia/D), LFE (Brandeburgo/D), THF (Turingia/D) e INRAE (Francia), raggruppano ogni settimana il loro know-how su Waldwissen.net con nuovi contributi. La cooperazione transfrontaliera di lunga data e il pool di contenuti di qualità costantemente in crescita sui temi forestali rendono Waldwissen.net unico nel suo genere.

Poiché lo sviluppo tecnico non si ferma "ai margini della foresta", Waldwissen.net è stato tecnicamente ottimizzato per la visualizzazione su tablet e smartphone. Innovazioni centrali sono le funzioni di ricerca e di filtro, che facilitano la ricerca all'interno dell'ampio pool di conoscenze.

L'app Waldwissen non sarà più disponibile perché queste funzioni sono ora integrate nel sito web. Attendiamo con ansia i vostri feedback e suggerimenti sul rilancio!

 
 
 

Articuli della Svizzera:

Il tarlo asiatico delle latifoglie in Europe

30.09.2020

Questo insetto particolarmente pericoloso, è stato reperito per la prima volta in Europa in campo aperto nel 2001, identificandolo come parassita soggetto a quarantena. Da allora vengono continuamente scoperti nuovi siti di infestazione.

 

ULTERIORI INFORMAZIONI