Navigation mit Access Keys

Volume di ghiaccio ricalcolato

Contenuto principale

  

Ricercatori hanno ricalcolato il volume di ghiaccio di tutte le regioni della Terra ad eccezione delle calotte polari della Groenlandia e dell'Antartide. Conclusione: le riserve di ghiaccio delle  catene montuose asiatiche sono finora state sopravvalutate.

 
 

L'attuale cambiamento climatico sta causando una riduzione dei ghiacciai in tutto il mondo.  Ne consegue una diminuzione delle riserve d’acqua:  Meno ghiaccio si fonde, meno acqua possono portare i fiumi – in particolare quelli che scorrono attraverso regioni aride come le Ande o l'Asia centrale. Per poter valutare lo sviluppo futuro, la conoscenza dell'attuale volume di ghiaccio è essenziale. Oltre a determinare le riserve di acqua dolce, il volume di ghiaccio attuale influisce su come cambierà il livello dei mari.

215’000 ghiacciai misurati

Un team internazionale di glaciologi guidato dal Politecnico federale di Zurigo (ETH) e dall'Istituto federale per lo studio della foresta, della neve e del paesaggio WSL, ha ridefinito la distribuzione dello spessore del ghiaccio e quindi il volume di circa 215'000 ghiacciai in tutto il mondo. I ricercatori hanno utilizzato una combinazione di modelli di calcolo ed hanno escluso il ghiaccio marino e le calotte polari della Groenlandia e dell'Antartide.

Secondo lo studio, il volume di ghiaccio di questi ghiacciai è attualmente di circa 158’000 chilometri cubi (km3). Qualche anno fa, la stima era superiore del 18 per cento circa. Le maggiori masse di ghiaccio si trovano nell'Artico (circa 75’000 km3) e corrispondono a quasi la metà del volume globale. Si tratta dei ghiacciai dell'Artico canadese e russo - come Baffin Island o Nowaja Semlja - così come quelli ai margini della Groenlandia e di Spitsbergen.

I ghiacciai si ritireranno più velocemente del previsto

Con 7’000 km3 di ghiaccio, le montagne dell'Alta Asia - termine che comprende l'Himalaya, l'Altopiano Tibetano e le catene montuose dell'Asia Centrale - hanno le più grandi riserve di ghiaccio al di fuori dell'Artico e dell’Alaska. Lo studio suggerisce che questo volume di ghiaccio è stato finora sopravvalutato di quasi un quarto.

"Sulla base della nuova valutazione, ci aspettiamo che le montagne dell’Asia perderanno i loro ghiacciai più velocemente di quanto previsto sinora", afferma Daniel Farinotti, professore di glaciologia al Laboratorio di ricerca per l'idraulica, l'idrologia e la glaciologia (VAW) dell’ETH di Zurigo e al WSL.

In precedenza, gli scienziati stimavano che l'area dei ghiacciai di questa regione si sarebbe dimezzata entro il 2070. Questo potrebbe ora  avvenire già negli anni 2060, con notevoli conseguenze per l'approvvigionamento idrico. I ghiacciai dell'Alta Asia, ad esempio, alimentano grandi fiumi come l'Indo, il Tarim e gli affluenti del Lago d'Aral. Centinaia di milioni di persone dipendono dalla loro acqua.

L’acqua di scioglimento potrebbe ridursi di un quarto

I ricercatori prevedono che nei mesi estivi di fine secolo,  i volumi di deflusso di questi fiumi saranno inferiori fino al 24% rispetto ad oggi. "Questa differenza è inquietante. Per poter valutare l’impatto più precisamente, sarebbe necessario avere delle misure dirette per i ghiacciai della regione ", dice Farinotti. Attualmente sono disponibili solo poche misure, il che rende difficile la calibrazione dei modelli .

I ricercatori hanno anche calcolato che – se sciolti completamente – i ghiacciai potrebbero causare un innalzamento del livello globale del mare fino a 30 centimetri. Tra il 1990 e il 2010 lo scioglimento dei ghiacciai ha causato un aumento del livello del mare di circa 1,5 centimetri.

Per il loro calcoli, i ricercatori hanno combinato fino a cinque modelli numerici indipendenti. Diverse fonti d’ informazione - come la forma dei ghiacciai derivati da immagini satellitari e modelli digitali della superficie - sono state combinate con teorie sul flusso dei ghiacciai. "Ciò consente di trarre conclusioni sulla distribuzione spaziale dello spessore ", spiega il professore dell’ETH di Zurigo. Per calibrare i modelli sono state utilizzate misure di spessore di ghiaccio effettuate sui ghiacciai. Queste sono tuttavia disponibili solo per circa 1’000 ghiacciai nel mondo, dice Farinotti.

Nello studio, i ricercatori dell’ETH di Zurigo e del WSL hanno collaborato con scienziati delle Università di Zurigo, Friborgo, Erlangen e Innsbruck, così come dell'Indian Technical University of Mumbai.

Fonte: ETH di Zurigo (in inglese o tedesco)

 
 

ULTERIORI INFORMAZIONI