Navigation mit Access Keys

Giardini ricchi di specie: vere e proprie oasi in aree urbane

Contenuto principale

  

Spazi verdi come i giardini familiari e quelli privati sono un rifugio per molte persone che vivono negli agglomerati urbani. Essi offrono una certa vicinanza alla natura, pace e relax. Sono un'oasi per la biodiversità e hanno una grande importanza sociale, come ha rivelato un'indagine dell'Istituto federale di ricerca WSL e dell'Istituto di ricerca per l'agricoltura biologica (FiBL).

 

Gli agglomerati urbani densamente popolati sono spesso poveri di specie vegetali e animali e non sono neppure tra le mete preferite per il tempo libero. Invece le aree aperte non cementate, i parchi e i giardini sono piacevoli e attirano molte persone. Ma perchè? Questo è ciò che i ricercatori della Stazione federale di ricerca WSL e dell'Istituto di ricerca per l'agricoltura biologica (FiBL) hanno volutoscoprire. A tale scopo hanno condotto 48 interviste e due sondaggi inviati a 1800 utenti di giardini familiari e privati. Le domande vertevano sulla biodiversità e sul valore sociale di tali giardini. I ricercatori volevano anche sapere cosa spinge queste persone a curare un giardino in un modo piuttosto che in un altro, e  per quali motivi.

 

Gli abitanti delle città cercano di liberarsi dal quotidiano

Dai 724 questionari ritornati nel primo sondaggio, i ricercatori hanno appreso che la grande maggioranza degli utenti di giardini familiari e privati amano trascorrere del tempo nella “natura” soprattutto perché desiderano un diversivo. E sembrano riuscirci, come mostrano i dati del secondo sondaggio: "La maggior parte dei giardinieri si sente molto più rilassata dopo aver trascorso alcune ore in giardino, in particolarmente nel caso dei giardini familiari", riassume Nicole Bauer del WSL. Le persone che vivono in città trascorrono del tempo in giardino per stare all'aria aperta, per vivere la bellezza della natura e godersi la pace e la tranquillità. Tuttavia, per il 15% di chi si prende cura di un giardino,  il giardinaggio è anche un fattore di stress perché può significare duro lavoro.

E come vengono gestiti e mantenuti i giardini ? La maggior parte degli intervistati pratica un giardinaggio rispettoso della biodiversità Da un lato, perché ne apprezza la bellezza, ma anche per un senso di responsabilità ecologica. Gli utenti promuovono la biodiversità attraverso la creazione di habitat per i ricci, di cassette-nido per gli uccelli e hotel per api, come pure coltivando prati fioriti per gli insetti. La costruzione di muri a secco – ideali per le lucertole - è particolarmente popolare nei giardini privati.

I giardini ricchi di strutture e habitat diversi ospitano generalmente un numero maggiore di specie di animali e di piante rispetto ai giardini a gestione intensiva e dove le strutture sono omogenee, com’è il caso dei prati tenuti “all’inglese”. Superfici coltivate relativamente ampie, ma ricche di aiole, spesso presenti negli orti familiari, promuovono specie pioniere, come talune specie di coleotteri carabidi. I giardini privati con una vegetazione ricca di specie e con presenza di  alberi di età diversa,  favoriscono, invece, l’attività degli uccelli, soprattutto nelle aree più densamente costruite.

I giardini sono luogo d’incontro e mitigano la densificazione urbana

Oltre alla loro funzione ricreativa, i giardini urbani hanno un'importante funzione sociale: sono luoghi di incontro. La maggior parte dei loro utenti invita fino a 10 persone ogni tre mesi. Robert Home, del FiBL, è convinto che "a lungo termine, i giardini formeranno un contrasto ai quartieri densamente popolati".

I risultati di questo studio, finanziato dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica nell'ambito del programma Sinergia, suggeriscono che sarebbe opportuno includere anche le aree coltivate private nelle strategie e nei concetti di biodiversità in città e nelle periferie. Se si tenesse conto di questo nei piani di sviluppo urbano, la qualità complessiva della vita nelle zone urbane potrebbe essere mantenuta più alta.

 

Scoperte otto specie d‘insetti nuove per la Svizzera

David Frey (WSL) con Marco Moretti e i suoi colleghi hanno studiato la biodiversità di piante e animali. Hanno campionalto oltre  150.000 invertebrati e identificato ben 1100 specie animali e più di 1000 specie di piante. "Il nostro set di dati sulla biodiversità di superficie è uno dei più grandi al mondo raccolto in giardini urbani", dice Frey. In media, in un giardino della città di Zurigo sono state censite 119 specie vegetali e 142 specie animali. I ricercatori hanno persino trovato 8 specie di insetti mai state osservate prima in Svizzera.

 

ULTERIORI INFORMATIONI