Navigation mit Access Keys

Coleotteri, funghi introdotti e selvaggina causano problemi alla foresta

Contenuto principale

 

15.7.2019  | Beate Kittl | News WSL 

 

La siccità e gli scarafaggi stanno causando problemi alla foresta. Inoltre, sempre più nuovi parassiti entrano in Svizzera con il commercio. Il rapporto "Situazione fitosanitaria dei boschi 2020" del servizio di consulenza Protezione delle foreste svizzere dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL, illustra le sfide attuali del bosco svizzero.

 

Una combinazione sfavorevole di fattori ha causato un'altra esplosione del numero di coleotteri della corteccia nel 2020: La grave siccità del 2018 aveva indebolito o ucciso molti alberi, creando un terreno di coltura ideale. Le tempeste invernali all'inizio del 2020 hanno abbattuto altri alberi, e un aprile estremamente secco, nella fase di emergenza delle foglie, ha impedito il recupero. Inoltre, molti più coleotteri del solito erano sopravvissuti all'inverno molto caldo. Foreste di montagna, che per molto tempo (a causa dell'e dove c'è anche un grave danno da bostrico, possono quindi perdere la loro funzione protettiva contro i pericoli naturali. Questa costellazione pone grandi rischi per le foreste di protezione della Svizzera", scrive Martin Bader di Protezione delle foreste svizzere nel nuovo rapporto " Situazione fitosanitaria dei boschi 2020". 

Il numero medio di bostrici dell’abete rosso catturati nelle trappole per insetti ha raggiunto un picco di 29.000 individui nel 2020. Tuttavia, è stato osservato anche un numero crescente di nemici naturali dei coleotteri della corteccia, come picchi e vespe, riferisce lo specialista di insetti Martin Bader. Il miglioramento dell'approvvigionamento idrico dell'abete rosso potrebbe anche rafforzare le sue difese. Tuttavia, il 2021 sarà un anno intenso di coleotteri (vedi bollettino fitosanitario 1/2021). Bader era anche preoccupato per l'aumento delle infestazioni di bostrico sui cedri dell'Atlante, una specie di albero nordafricano che è visto come possibile alternativa in vista del cambiamento climatico.

 

Parassiti introdotti

Insetti non nativi, così come funghi e altri parassiti degli alberi, entrano spesso in Svizzera come clandestini nel commercio internazionale. Per evitare questo, una nuova legge fitosanitaria è in vigore in Svizzera e nell'UE dal 2020, spiega Valentin Queloz. Per esempio, prevede passaporti per le piante importate e maggiori controlli doganali, per esempio con cani da fiuto appositamente addestrati. Una nuova caratteristica è il monitoraggio annuale dell'area, che WSL ha testato in un progetto pilota nel 2020. In sei cantoni, ha installato trappole per insetti e spore fungine su due aree ciascuno per rilevare una buona dozzina di specie di insetti pericolosi e malattie fungine. Nel primo anno di test, non hanno trovato nessuna delle specie mirate - ma hanno trovato una specie di coleottero capricorno introdotto (Xylotrechus stebbingi).

Anche i funghi sul legno da imballaggio entrano in Svizzera con il commercio. Questo è sorprendente, perché per evitare la diffusione di organismi nocivi, gli imballaggi devono essere trattati con il calore o con sostanze chimiche. Protezione delle foreste svizzere ha indagato su cinque casi di palette di legno infestate da funghi nel 2019 e 2020. Due terzi di questi erano muffe, le cui spore possono scatenare pericolose reazioni allergiche negli esseri umani. Il resto erano funghi e patogeni del legno che potevano infettare le colture. Pertanto, tale legno da imballaggio dovrebbe essere smaltito correttamente il più presto possibile, raccomanda lo specialista di funghi Ludwig Beenken.

I forestali si rivolgono sempre più spesso al nostro servizio di consulenza con altri due sintomi: in primo luogo, le perdite di umidità dai tronchi degli alberi (slime flow). La causa può essere batteri o funghi, che spesso possono essere identificati solo con metodi molecolari. Nel 2020, Protezione delle foreste svizzera ha condotto 43 indagini sulla melma, quasi una alla settimana.

D'altra parte, i servizi forestali hanno notato danni crescenti agli aceri, che potrebbero essere ancora indeboliti dalla siccità del 2018. Funghi come la Neonectriapunicea e batteri causano macchie morte sul tronco (necrosi), che riducono la vitalità e il valore del legname degli alberi.

 

Foresta e selvaggina

Gli ungulati selvatici come i caprioli, i cervi e i camosci causano gravi danni in alcune foreste, così che i giovani alberi non possono ricrescere in numero sufficiente. Per 30 anni, Oswald Odermatt della Forest Protection Switzerland ha rilevato e registrato i danni causati dalla selvaggina. "I punti caldi con i maggiori problemi di danni alla selvaggina sono rimasti gli stessi nel corso degli anni", scrive Odermatt. Ha sviluppato metodi per il rilevamento e la prevenzione dei danni alla selvaggina e ha consigliato i servizi forestali sulla loro applicazione. Con il suo ritiro, Andrea Kupferschmid dell unità di ricerca “Risorse e gestione forestale” assumerà la consulenza sul riguardo selvaggina e bosco.

 

Protezione delle foreste svizzere...

Il nostro servizio di consulenza individua i patogeni e patologie forestali, informa i Servizi forestali svizzeri, i proprietari delle foreste e l'opinione pubblica interessata, si occupa della formazione continua dei servizi forestali, degli studenti universitari e delle scuole tecniche.

Poiché il coordinamento delle attività a livello internazionale sta diventando sempre più importante, manteniamo anche uno scambio di informazioni con i nostri colleghi in Svizzera e all'estero. Questo ci permette di agire come una piattaforma d'informazione e un'interfaccia tra la ricerca e la pratica.

 

ULTERIORI INFORMAZIONI