Navigation mit Access Keys

Il frassino ha un futuro?

Contenuto principale

 

24.11.2021 | Stephanie Kusma | News WSL

 

Il deperimento del frassino è ormai diffuso in Svizzera e in molti altri paesi dell'Europa centrale - e la piralide del frassino si profila all'orizzonte. Tuttavia, c'è speranza per il frassino. Questa è stata la conclusione della conferenza "Il futuro del frassino" all'Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio WSL.

 

Dopo la tempesta Lothar, una buona ventina di anni fa, si temeva una "frassinamento" della Svizzera: il frassino, all'epoca il secondo albero deciduo più diffuso in Svizzera, cresceva in molte delle zone spazzate dal vento. Questo ora è storia. "Si è felici per ogni frassino sano". Così un partecipante ha riassunto la situazione attuale dell'albero alla conferenza internazionale "Future of the Ash Tree", dove esperti della scienza, delle autorità e del settore forestale si sono incontrati la settimana scorsa al WSL per uno scambio.


Il frassino soffre massicciamente dall’organismo nocivo Hymenoscyphus fraxineus. Questo fungo, introdotto dall'Asia, è diffuso in Svizzera e in gran parte dell'Europa centrale e causa il deperimento dei germogli di frassino. I frassini infetti perdono le foglie, i germogli muoiono, le chiome si assottigliano. Alcuni sviluppano lesioni nella parte inferiore del tronco, che formano una porta d'ingresso per altri organismi nocivi.

 

Quasi tutti i frassini sono infettati

Mentre gli alberi più vecchi possono resistere al fungo per molto tempo, i giovani frassini spesso muoiono in pochi anni. La maggior parte dei frassini in Svizzera e nella maggior parte dell'Europa sono infettati e mostrano i sintomi della malattia. Oggi relegato al terzo posto degli alberi decidui più comuni in Svizzera, il frassino è destinato a diventare sempre meno presente.

"Ma vediamo in tutta l'Europa centrale che una piccola percentuale di frassini è tollerante al deperimento dei germogli di frassino", Eckehard Brockerhoff del WSL ha riassunto un'importante scoperta alla fine della conferenza. "Tuttavia, non si può sottolineare abbastanza quanto sia importante che gli alberi che sembrano sani rimangano in piedi. ", ha sottolineato una richiesta che era stata espressa più volte.

 

Incentivi per mantenere i frassini sani

Lasciare il maggior numero possibile di frassini sani nella foresta è importante soprattutto per preservare individui potenzialmente tolleranti ai funghi e ai coleotteri. Tali alberi potrebbero garantire la continuità dell'esistenza dei frassini. Inoltre, sono essenziali per la ricerca sulla resistenza e l'allevamento di alberi tolleranti. Tuttavia, dal punto di vista dei forestali, ci possono essere anche ragioni economiche o di sicurezza per abbattere questi alberi. Incentivi mirati per la conservazione e la promozione degli alberi potrebbero quindi aiutare, è stato un suggerimento.

Programmi per salvare il frassino non sono in corso solo in Svizzera, ma in molti paesi europei. "Questo dà la speranza che il frassino conservi i suoi adattamenti regionali", dice Valentin Queloz, uno degli organizzatori della conferenza. Un approccio perseguito da tutti è la ricerca sulla resistenza. In Austria, per esempio, si prevede di avere piantagioni di frassino con alberi genitori resistenti che possano produrre semi in circa 15-20 anni.

 

Con i virus contro i funghi

Ci sono anche altri approcci: Al WSL, per esempio, si sta studiando i virus che infetta il fungo patogeno. Potrebbero forse renderlo meno pericoloso per il frassino e un giorno servire come arma biologica contro il deperimento del frassino. Altri ricercatori stanno cercando delle specie di alberi sostitutivi che potrebbero riempire il "vuoto del frassino" in uno "scenario peggiore" - sia per la biodiversità che per l'industria del legno.

C'è persino speranza per quanto riguarda la piralide asiatica del frassino (Agrilus planipennis). Le larve di questo coleottero si nutrono principalmente nella corteccia dei frassini. Alla stessa stregua del funo, difficilmente danneggia i frassini asiatici, al contrario delle altre specie di frassino. Il coleottero si è già stabilito in gran parte degli Stati Uniti, così come nella Russia occidentale e nelle zone adiacenti dell'Ucraina.

Da una parte, misure di protezione possono prevenire l'introduzione. Dall'altra parte nuovi risultati di ricerca del WSL indicano una resistenza incrociata tra deperimento e piralide: Frassini tolleranti dell'uno sembrano meglio difendersi dall'altro.

 

C'è speranza

La conclusione di Brockerhoff: "C'è speranza per il frassino". Anche se questa speranza sembra più pronunciata tra i ricercatori che tra i forestali che si confrontano direttamente con gli alberi malati e morenti. Ma anche lì, alcuni vedono la luce nell'oscurità: il fallimento dei frassini può, per esempio, promuovere il diradamento naturale e favorire altre specie di alberi.

 

ULTERIORI INFORMAZIONI