Navigation mit Access Keys

Convegno internazionale in onore del compianto direttore del WSL

Contenuto principale

  

La morte di Konrad «Koni» Steffen, climatologo e glaciologo svizzero nonché direttore del WSL, ha lasciato un grande vuoto tra i familiari, ma anche nel mondo della ricerca. Steffen aveva infatti lasciato il segno negli studi nazionali e internazionali sul clima, polari e in alta quota. In un incontro di due giorni, familiari, amici e colleghi hanno ricordato il lavoro e la vita del ricercatore svizzero, il cui operato continuerà a influire sulla ricerca anche in futuro.

 

«Se io ho visto più lontano, è perché stavo sulle spalle dei giganti»: questa nota frase di Isaac Newton è stata il filo conduttore del convegno di due giorni in onore di Konrad «Koni» Steffen. Tutti i presenti a Davos erano infatti unanimi sul fatto che il noto e amato glaciologo e climatologo svizzero è stato una delle figure più importanti nel suo ramo. In veste di ricercatore, capo, insegnante, divulgatore o nella vita privata come amico e come padre, fotografo, amante del caffè e dell’arte, Koni Steffen ha lasciato il segno da molti punti di vista e possiamo seguirne le orme non solo in Svizzera, ma in tutto il mondo, come ha dimostrato la provenienza di molti partecipanti. Oltre a numerosi ospiti svizzeri, alcune persone sono venute persino dalla Nuova Zelanda appositamente per prendere parte all’evento nei Grigioni, a Davos.

Il simposio «The cryosphere in a changing climate – a scientific symposium in the memory of Koni Steffen» è stato organizzato dal WSL, dall’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF, dallo Swiss Polar Institute SPI, dal PF di Zurigo e dall’EPFL, luoghi in cui Koni Steffen aveva operato fino alla morte. Ricercatori di tutto il mondo e in ogni fase della carriera, politici, artisti, sono tutti venuti per onorare la persona di Koni Steffen e le sue opere, con affettuosi aneddoti e molte foto. Ne è emersa una personalità poliedrica, appassionata e coinvolgente, che oltre che per il suo lavoro a favore del clima, dei ghiacciai e della Groenlandia nutriva una grande passione per il caffè, la fotografia e l’arte. D’altra parte è risultato chiaro che con la morte di Koni Steffen il suo operato, la sua personalità e il suo entusiasmo non sono svaniti, ma hanno dato forma a un’eredità grazie alla quale anche in futuro le attività legate alle tematiche a lui care saranno portate avanti con lo stesso entusiasmo e la stessa serietà.

L’evento non era finalizzato solamente a rievocare il passato, ma anche a mostrare il presente e il futuro dei diversi rami della scienza e delle varie istituzioni, e persino Paesi, che hanno beneficiato dell’operato di Koni. Per gli scienziati più giovani, il simposio è stato un’ottima occasione per presentare le proprie ricerche. Alcune portano avanti il lavoro di Koni Steffen, come ad esempio la rete di misurazione meteorologica che aveva avviato in Groenlandia e ora è gestita dall’Istituto Geologico danese GEUS. Altri giovani ricercatori si basano sulle scoperte e sulle opere di Koni Steffen portando avanti il suo lavoro in prospettiva futura. In occasione di questo simposio, anche alcuni istituti come il WSL o lo SPI, in cui Koni Steffen aveva operato in veste rispettivamente di direttore e responsabile scientifico, hanno testimoniato l’influsso duraturo della sua figura sul loro sviluppo e il suo contributo nell’acquisizione di importanza internazionale da parte di queste istituzioni, che ora possono guardare lontano verso il futuro, come se per l’appunto sedessero sulle spalle di un gigante.

 

  

 

ULTERIORI INFORMAZIONI