Navigation mit Access Keys

Crollo dei ghiacciai nelle Dolomiti: Dichiarazioni del WSL

Contenuto principale

  

Le risposte alle domande più importanti sul tragico crollo del ghiacciaio delle Dolomiti da parte di Matthias Huss, glaciologo dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL.

 
  • Matthias Huss è responsabile della Rete svizzera di monitoraggio dei ghiacciai (GLAMOS), gestita congiuntamente da WSL, Politecnico di Zurigo, Università di Zurigo e Università di Friburgo.

 

Un evento del genere potrebbe verificarsi anche in Svizzera?

Sì, tali eventi non possono mai essere esclusi. Tuttavia, è molto difficile prevedere il luogo e il momento, a meno che non vi siano indicazioni preliminari di una possibile instabilità.

 

Quali fattori ambientali giocano un ruolo?

Al momento è ancora difficile dirlo con certezza. Le indagini dei responsabili in loco dovranno chiarire le cause esatte dell'evento. Tuttavia, la situazione eccezionale di quest'anno, con pochissima neve in inverno e un'abbondante e precoce fusione dei ghiacci, ha sicuramente giocato un ruolo importante.

La siccità e il caldo non sono certo gli unici e decisivi fattori, ma supportano una situazione potenzialmente pericolosa che esisteva già prima e che probabilmente si è già sviluppata in un periodo di tempo più lungo. Tuttavia, le temperature elevate e quindi un maggiore apporto di acqua di fusione possono essere un fattore scatenante.

 

Ci sono dei segnali di pericolo a cui gli escursionisti di montagna possono prestare attenzione?

Per un profano è molto difficile valutare una situazione. Perfino con molta esperienza, spesso è quasi impossibile valutare con una sola osservazione se un aborto è imminente o meno. Se si riconosce una situazione critica, solo l'osservazione costante del cambiamento può fornire informazioni sul momento dell'evento.

 

Le escursioni sui ghiacciai diventeranno sempre più pericolose in futuro?

Non credo che lo si possa dire in termini generali. I pericoli in alta montagna, come i distacchi di ghiaccio o la caduta di massi, sono sempre stati e rimarranno in una certa misura imprevedibili anche in futuro. Tuttavia, l'attuale cambiamento climatico sta portando a nuove situazioni difficili da prevedere e che devono essere costantemente rivalutate.

 

Questi eventi diventeranno più frequenti con il cambiamento climatico?

In generale, questo non si può dire. Tuttavia, il cambiamento climatico favorisce lo sviluppo di nuove situazioni di pericolo. La grande sfida consiste nel riconoscerle in tempo per creare sistemi di allerta precoce.

 

È possibile salvare i ghiacciai?

Con una protezione del clima coerente e globale, una parte dei ghiacciai può ancora essere salvata, circa un terzo dei ghiacciai delle Alpi se verrà attuato l'accordo sul clima di Parigi. Non è molto, ma attutirebbe comunque gli effetti peggiori.

 

 

Persone di contatto per i media

  • Matthias Huss, responsabile della Rete svizzera di monitoraggio dei ghiacciai (GLAMOS), gestita congiuntamente da WSL, Politecnico di Zurigo, Università di Zurigo e Università di Friburgo.
    • Email: matthias.huss@wsl.ch
    • Telefono: 044 632 40 93
    • Lingue: Tedesco, francese, inglese
  • Daniel Farinotti, professore assistente di glaciologia presso il Laboratorio di idraulica, idrologia e glaciologia (VAW) del Politecnico di Zurigo e dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL), Birmensdorf, Svizzera.
    • Email: daniel.farinotti@wsl.ch
    • Tel: 044 739 25 04
    • Lingue: Tedesco, italiano, francese, inglese
 

  

 

ULTERIORI INFORMAZIONI