Navigation mit Access Keys

L'altitudine è fondamentale per la biodiversità degli animali del suolo

Contenuto principale

  

Coleotteri, millepiedi o formiche sono importantissimi per il funzionamento del suolo. Ciò è particolarmente vero per le foreste di montagna, dove il cambiamento climatico sta avendo un impatto notevole. L'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL e l'Università di Basilea hanno analizzato la distribuzione della diversità degli animali del suolo tra i vari livelli altitudinali.

 

Finora sono state condotte numerose ricerche sulla presenza di piante in montagna, ma poco sugli animali che vivono nel suolo. "I gruppi di animali che abbiamo studiato sono importanti per il funzionamento degli ecosistemi e alcuni di essi hanno compiti essenzialie nel ciclo dei nutrienti, come i millepiedi, o per la struttura del suolo, come le formiche", spiega il coautore Stephan Zimmermann del gruppo di ricerca WSL Funzioni e protezione del suolo. I gruppi studiai sono rappresentativi anche di numerosi altri gruppi di artropodi: i ragni sono cacciatori, mentre i millepiedi scompongono la lettiera e quindi forniscono nutrimento.

Le Alpi sono particolarmente colpite dai cambiamenti climatici e questi piccoli animali non possono migrare così facilmente. Un team di ricerca del WSL e dell'Università di Basilea ha ora studiato organismi come ragni, millepiedi e centopiedi, oltre a vari coleotteri, per comprendere meglio la loro presenza a diverse altitudini.  

Il Parco Nazionale Svizzero è rimasto in gran parte incontaminato dall'uomo dal 1914. Pertanto, si presentava ideale per questo studio. Ad altitudini comprese tra i 1800 e i 2750 metri, il team di ricerca ha catturato più di 14.000 individui con ricerche ad occhio, rifugi artificiali e trappole a terra. Appartengono a un totale di 248 specie di sei gruppi di animali: ragni, coleotteri terrestri, millepiedi, coleotteri dalle ali corte e formiche.

 

L'altezza conta più di tutto

I ricercatori hanno utilizzato metodi statistici per trovare tipicità nella distribuzione altitudinale e ne hanno trovate tre diversi: una diminuzione costante con l'aumentare dell'altitudine (millepiedi), un numero costante e poi una rapida diminuzione ad alta quota (formiche e coleotteri dalle ali corte) e un massimo di specie a medie altitudini con una diminuzione ad alte quote (ragni e millepiedi). Per tutti i gruppi animali, il numero di specie e la loro presenza dipendono quasi esclusivamente dall'altitudine. La maggior parte delle altre caratteristiche del suolo e della vegetazione hanno avuto un'influenza minima, poiché dipendono esse pure dall'altitudine, come riportano i ricercatori nella rivista scientifica PLOS ONE.  Considerano particolarmente notevole le grandi differenze nelle tipicità di distribuzione. "Osservare un solo gruppo può portare a risultati fuorvianti per l'intera diversità delle specie", afferma Zimmermann. Gli autori raccomandano, per gli studi futuri sulle differenze altitudinali, di considerare sempre un certo numero di gruppi di specie diverse.

 

Montagne fortemente colpite dai cambiamenti climatici

In vista dei cambiamenti climatici, questo studio fornisce preziosi dati di base sulla presenza di invertebrati del suolo in altitudine. "Le specie di montagna sono fortemente colpite dal progressivo riscaldamento, perché l'aumento della temperatura è superiore alla media", afferma Zimmermann. Molte specie animali e vegetali stanno spostando la loro distribuzione verso altitudini più elevate, dove l'habitat scarseggia. Per le specie che vi abitano, aumenta la competizione per il cibo e gli habitat. Poiché i suoli alpini richiedono molto tempo per svilupparsi o per riprendersi dopo le perturbazioni, una fauna del suolo ben funzionante è particolarmente importante per loro.

 

  

 

ULTERIORI INFORMAZIONI